Nell’articolo seguente intendiamo dare pillole informative sugli Incoterms e sulle novità della nuova versione 2020.

Esiste una materia importante collegata agli scambi internazionali che, con il passare dei anni, è ormai diventata prassi adottata da operatori della quasi totalità dei paesi.

L’insieme di clausole al quale ci riferiamo sono conosciute con l’acronimo Incoterms (International Commercial Terms) e sono stati pubblicati per la prima volta nel 1936 dalla Camera di Commercio Internazionale.

Innanzitutto bisogna premettere che questo importante insieme di regole è il risultato dell’esperienza commerciale globale che, pur maturato su base consuetudinaria, definisce ogni diritto e dovere competente ai soggetti giuridici coinvolti in un’operazione di trasferimento di beni da una nazione ad un’altra. Attraverso questo clausole si definiscono, infatti, le importanti responsabilità tra venditore ed acquirente per il trasporto e la consegna dei beni oggetto del contratto. L’utilizzo degli Incoterms definisce esattamente la quota di costi e di rischi divisi tra le diverse parti.   

Nonostante ciò, gli Incoterms non sono propriamente norme imperative, ma clausole facoltative che le parti possono adottare in un accordo contrattuale, specificandolo.

L’utilizzo di queste regole fornisce chiarezza e prevedibilità agli operatori.

L’ultima versione degli Incoterms contiene 11 termini che per maggiore chiarezza andiamo a dividere in 4 gruppi, facendo riferimento alla prima lettera della sigla, sulla base delle obbligazioni in capo al venditore:

Di questi termini 7 si riferiscono a trasporti multi modali: EXW (Ex Works), FCA (Free Carrier), CPT (Carriage Paid to), CIP (Carriage and Insurance Paid to), DAP (Delivered at Place), DPU (Delivered at Place Unloaded), DDP (Delivered Duty Paid); 4 termini, invece, si riferiscono al trasporto marittimo: FAS (Free Alongside Ship), FOB (Free on Board), CFR (Cost and Freight), CIF (Cost Insurance and Freight).

 Incoterms2020: Gli aggiornamenti

Ogni 10 anni la Camera di Commercio Internazionale aggiorna gli Incoterms per riflettere le attuali usanze commerciali.

La revisione è sempre avvenuta in concomitanza con il primo anno di ogni decennio 1990, 2000 e 2010 e l’ultima versione è, dunque, entrata in vigore il 1’ Gennaio 2020.

Possiamo dire che nonostante la struttura degli Incoterms2020 sia rimasta invariata rispetto al passato, nell’impianto complessivo si è fatta maggiore chiarezza nella presentazione di ogni singola regola.

Scopriamo quali sono i punti salienti dell’ultima versione approvata.

Qualora la forza del commercio internazionale, così frenetico, travolgente e sempre più interconnesso non dovesse bastare… il solo  pensare alla moltitudine di affari che avvengono ogni singolo giorno sul globo terrestre, dovrebbe essere sufficiente a farci capire che  la corretta gestione delle clausole Incoterms rappresenta un passaggio necessario, perché determinerà condizioni specifiche che  hanno influenza diretta sulla ripartizione delle responsabilità connesse alla logistica degli scambi.

Net InConsulenza logistica

All’Interno di Net In abbiamo acquisito le competenze adeguate ad individuare, anche rispetto alla resa Incoterms 2020,la modalità più adeguata al cliente. Insieme sapremo definire la formula che al meglio va a tutelare lo scambio puntando con decisione al paradigma win-win.

Se desideri approfondire l’argomento non esitare a contattarci!

Net In… Your Temporary Export Office!